mercoledì 28 settembre 2011

In arrivo la Seconda Edizione de "La Parigi di Maria Antonietta" e Presentazione sabato 29 ottobre

AGGIORNAMENTO: cari amici volevo condividere con voi la gioia che stasera mi porto nel cuore. La Presentazione ad Arese è andata benissimo: organizzazione impeccabile, sono intervenute tante persone e anche molte amiche conosciute grazie al web (e a Maria Antonietta ovviamente..) che ho finalmente potuto incontrare di persona e la cosa mi ha fatto un grandissimo piacere.

Mi scuso per l'assenza di questi giorni ma un problema con la connessione internet non mi permette di aggiornare agilmente il blog..speriamo che il tutto si risolva prestissimo..

Intanto vi lascio con qualche foto della Presentazione di Arese








Carissimi amici scrivo per scusarmi per la mia prolungata assenza dal blog ma in questi giorni ho ricevuto la conferma da parte del mio editore che ci sarà una Seconda Edizione del mio libro:

 "La Parigi di Maria Antonietta. Tutto a te mi guida".




Inutile dire quanto la cosa mi faccia piacere. Ci saranno piccole grandi novità, aggiornamenti su curiosità, musei e mostre ma soprattutto il libro conterrà anche una sezione fotografica.

I tempi sono ahimè molto stretti ecco perchè devo accantonare per qualche giorno il mio blog e cercare di consegnare in tempo il manoscritto, destreggiandomi tra lavoro e impegni vari.

Spero continuiate comunque a seguirmi con affetto perchè molto presto tornerò con moltissimi post super gustosi. Insieme scopriremo alcuni luoghi segreti della reggia di Versailles, Gli Appartamenti Privati della Regina, altri interessantissimi musei parigini...quindi restate nei paraggi perchè ne varrà la pena.

Intanto colgo l'occasione anche per segnalare la prossima Presentazione del mio libro:

Sabato 29 ottobre, alle ore 17.00

presso la Biblioteca Comunale di Arese, viale dei Platani, 6 (Milano)

"Aperitivo con l'autore: La Parigi di Maria Antonietta"

Incontro con la scrittrice Alice Mortali.


Iniziativa a cura della Biblioteca Comunale di Arese in collaborazione con Ars et Musica. Ingresso libero.
Verrà presentata in anteprima la seconda edizione del libro.
Seguirà aperitivo. 





(no non ci saranno i Macarons di Ladurée e probabilmente non berremo champagne francese, però volevo ugualmente invogliarvi :-D)








      Beh se sabato 29 siete in zona... io vi aspetto ad Arese!!




A presto. 

A.


sabato 17 settembre 2011

All'ombra dei salici piangenti: la Chapelle Expiatoire di Maria Antonietta e di Luigi XVI

Nel 2007, durante il nostro primo viaggio a Parigi, in un soleggiato sabato di settembre, io e Chiara abbiamo preso la metropolitana e siamo scese alla fermata Saint Augustin. Era il nostro penultimo giorno e io non volevo assolutamente tornare a casa senza aver prima effettuato l'ennesima tappa del mio Marie Antoinette's tour. Avevamo già tentato di visitare questo piccolo monumento semisconosciuto pochi giorni prima ma con mia grande delusione l'avevamo trovato chiuso (effettua degli orari d'apertura davvero assurdi): c'ero rimasta malissimo così Chiara mi promise che prima di ripartire ci saremmo ritornate.



Non avevo idea di che cosa avremmo visitato: avevo letto per caso di questo luogo in una guida del Touring Club; Poche righe e nessuna foto ma era bastato leggervi sopra la parola magica "Maria Antonietta" per renderlo una tappa irrinunciabile.

Nel 1793, dopo la decapitazione, i corpi dei sovrani vennero infatti inumati nel piccolo Cimitero della Madeleine, oggi ameno e rigoglioso giardinetto situato in Square Louis XVI ma che fino al 1794 fu luogo di sepoltura di moltissime vittime della ghigliottina. Oltre a quello di Luigi XVI e di Maria Antonietta, qui vennero sepolti anche i corpi di Carlotta Corday, Jacques Rene Hebert, Danton e di molti altri. Quello della Regina venne addirittura abbandonato sul prato per qualche giorno, tanto che si dice che fu proprio in questo frangente che la famosa scultrice di cere Madame Tussaud, ebbe modo di modellare la maschera mortuaria della sovrana oggi conservata nel museo di Londra. Qui i corpi dei sovrani riposarono per circa 21 anni finchè, tornato sul trono Luigi XVIII, vennero riesumati e traslati con tutti gli onori nella basilica di Saint Denis, cimitero dei re di Francia e dove, nella semi oscurità della cripta dei Borboni,  riposano ancora oggi.



lunedì 12 settembre 2011

Il mio primo abito d'epoca, "Robe à l'Anglaise" in stile 1780

Chi non ha mai sognato, almeno una volta, di indossare un abito storico? Immaginare, anche se per poche ore, di vivere in un'epoca lontana, dove le dame indossavano ancora corpetti elaborati, lunghe gonne con strascichi fruscianti, pizzi e passamanerie. Beh per la sottoscritta ieri, 11 settembre 2011, questo sogno è diventato realtà.

La passione per Maria Antonietta e per la sua epoca mi ha permesso di entrare in contatto con  persone molto speciali che condividono con me questo interesse. Una di queste si chiama Jessica Dalli Cardillo. Jessica è una giovanissima studentessa bolognese, grande appassionata di storia e di costumi d'epoca. Da qualche anno ha iniziato, in maniera del tutto autodidatta, a cucire degli straordinari e bellissimi abiti storici.
E' proprio grazie a lei se oggi il mio sogno di indossare un costume in stile Marie Antoinette è divenuto realtà.

Dopo aver visto le sue creazioni non ho resistito e le ho chiesto di creare un abito per me con modello à l'Anglaise, uno stile in voga negli anni '80 del '700.


domenica 4 settembre 2011

Giorno 4 - Il Musée Carnavalet

Nel cuore del Marais, a due passi da Place des Vosges e poco lontano dall'Hotel de Soubise, si trova uno splendido palazzo storico che ospita uno dei musei più interessanti di Parigi: è il Musée Carnavalet. Poco conosciuto al turismo di massa questo superbo museo, che fu dimora della famosa Madame de Sevigné, racconta la storia della città di Parigi attraverso i suoi personaggi, i suoi diversi stili architettonici e i cimeli di tanti importantissimi eventi storici.




Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...