venerdì 9 novembre 2012

Mostra "L'Impressionnisme et la Mode" ovvero c'è sempre un'ottima scusa per tornare a Parigi


La frase "Parigi è sempre una buona idea" tratta dal film Sabrina non mi è mai sembrata così vera... Che sia l'estate coi suoi tavolini all'aperto e l'Ile Saint Louis piena di fiori, o il magico gelido inverno con le sue luci e i suoi piatti ipercalorici e deliziosi, Parigi è sempre e comunque una buona idea.

La scorsa estate, come ben sapete, ho "tradito" la mia adorata Parigi per un altrettanto agognato viaggio oltremanica e mi sono goduta il meglio che il Diamond Jubilee londinese, tra mostre ed eventi, poteva offrire.

Pensavo di poter resistere almeno qualche altro mese lontana dalla mia adorata Ville Lumiere ma poi quando ho letto di questa magica mostra che non voglio e non posso perdermi, i miei buoni propositi sono andati in fumo.



   Fino al prossimo 20 gennaio 2013 uno dei musei più straordinari del mondo, il Musèe d'Orsay di Parigi, ospita infatti una mostra dallo stuzzicante titolo "L’Impressionnisme et la Mode". 


Pierre-Auguste Renoir (1841-1919) : Danse à la ville, 1883
Il tempio della pittura impressionista, in collaborazione con l'Art Institute di Chicago e il Metropolitan Museum of Art di New York, rende omaggio alla moda del XIX secolo attraverso alcuni dei più grandi capolavori impressionisti e abiti originali dell'epoca.


Une soirée, 1878, par Jean Béraud
 La vita quotidiana della donna dell'ottocento riscoperta attraverso i suoi abiti e i suoi accessori immortalati dagli artisti che l'ottocento l'hanno raccontato "dal vero"  Renoir, Manet, Tissot o Monet, solo per citarne alcuni.


Pierre-Auguste Renoir, Bal au Moulin de la Galette, 1876

La mostra ripercorre la storia del costume tra il 1860 e il 1880 mettendo a confronto abiti originali del periodo e le tele in cui sono stati immortalati. 


befan.it








 Abiti da sera, da giorno, da passeggio o da casa, che si alleggeriscono col passare degli anni: crinoline meno ampie e corsetti sempre più stretti, abiti dalle stoffe raffinate e dai dettagli preziosi per la sera, dai colori tenui e dalle fantasie più semplici per il giorno.




Ecco uno straordinario esempio: l' incredibile confronto del vero abito indossato da Madame Bartholomé e poi dipinto dal marito nella tela  "Dans la serre (Madame Bartholomé)" del 1881.
Albert Bartholomé, Dans la serre (Madame Bartholomé), 1881, Paris, Musée d’Orsay


Claude Monet, Femmes au jardin, 1867


Abito firmato Madame Roger 1878
Auguste Renoir, Madame Georges Charpentier et ses enfants 1878
Da appassionata di Impressionismo la visita al Musée d'Orsay è già di per se una tappa imprescindibile durante qualsiasi soggiorno parigino. Andai per la prima volta durante il mio primissimo viaggio a Parigi e quel luogo mi rapì davvero il cuore. Per motivi di tempo non sono più tornata e questa mostra potrebbe essere un'occasione davvero unica per ammirare opere straordinarie e tuffarsi nella Paris impressionista.
Che si fa? Si parte?




Mammamia quanto ero giovane in questa foto..e sono solo 5 anni fa! Sob :-(

Per chi dovesse perdersi la tappa parigina, sappiate che la mostra verrà poi ospitata dal Metropolitan Museum di New York (19 febbraio-27 maggio 2013) e dall’Art Institute di Chicago (30 giugno-22 settembre 2013).


Informazioni Pratiche:
Fino al  20 gennaio 2013
Orari d'apertura dalle 9h30 alle 18h tutti i giorni tranne il lunedi, apertura notturna fino alle 21.30 del giovedi
Gratis per i minori di 25 anni
Métro Solférino linea 12

bientôt
Alice

10 commenti:

  1. Che meraviglia! Adoro particolarmente quando le mostre espongono vestiti e accessori ottocenteschi! Quanto mi piacerebbe andare a Parigi... ahhhhh, la sogno da anni e anni! Prima o poi riuscirò ad andarci!

    ;-)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille Silvia. Anch'io vado pazza per gli abiti antichi: hanno la capacità di azzerare la distanza temporale e farti assaporare la magia delle epoche passate. Parigi è sempre li ad aspettarci e prima o poi la visiterai e te ne innamorerai ^_^
      Un bacione e grazie mille della visita.

      Alice

      Elimina
  2. Ciao Alice, sono Francesco. Non so se ti ricordi, abbiamo già parlato tramite mail di Maria Antonietta e di come fare a visitare i suoi appartamenti.
    Non c'entra niente con il post in questione ma devo dirtelo: domani vado finalmente a Versailles a visitare gli appartamenti privati della regina! Dovevo per forza condividere la mia gioia con qualcuno che può capirmi :)
    Se vuoi ti lascio le mie impressioni con un altro commento qui sul blog dopo che ci sono stato, mi farebbe piacere scambiare opinioni e commentare con qualcuno che c'è già stato!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Francesco caro ma che bella notizia! Sono contantissima per te e ti invidio anche un pochino..cosa darei per andare a Versailles domani! Ma certo: aspettiamo i tuoi commenti! Buona visita e porta un bacio alla Reine da parte mia. A presto, Alice

      Elimina
  3. Che dire? Non ci sono parole per descrivere quello che ho provato. Mi sono immaginato lei, Maria Antonietta, circondata da cameriere e dame di compagnia o peggio mentre correva lungo il passaggio che porta alla camera del re per sfuggire ai rivoluzionari inferociti venuti ad ucciderla.. E' stato commovente! Anche perchè si avvertiva una certa tristezza, o almeno per me è stato così. E' stato come se avvertissi la sua solitudine, nonostante la solennità e gioia del trovarmi lì. Alla fine lo sappiamo tutti che per lei quella è stata una gabbia dorata.
    Bello, bello, bello: non ci sono altre parole.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille per aver condiviso con voi la tua esperienza..sono emozionata per te sai?? Un abbraccio Francesco..e Vive la Reine!
      Alice

      Elimina
  4. Cara Alice sono nuova,il mio nome è Sara,ho sentito parlare di te e del tuo blog attraverso il forum di Maria Antonietta(lì mi chiamo Delfinella ,sono appena arrivata quindi,se vuoi, passa a darmi il benvenuto ;);) )
    Riguardo il post,essendo un'appasionata di abiti,accesori e quadri dell'Ottocento,sarebbe bellisimo andarci,ma ..... purtroppo occorrono $$$$$(((((.....peccato!!!!
    Comunque complimenti per il post,hai un modo di scrivere molto fluido e coinvolgente
    A presto

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Carissima Sara benvenuta e scusa per l'enorme ritardo con cui ti rispondo..Ti ringrazio moltissimo per la visita e per le tue belle parole: Grazie!Passerò senz'altro a salutarti sul forum che è una vera miniera di informazioni per gli appassionati di Maria Antonietta e del periodo. Un bacione
      Alice

      Elimina
  5. Cara Alice, ma che bello!!!! Gli abiti sono stupendi, io adoro tutti gli abiti delle dame di quel tempo e di Maria Antonietta. Sto organizzando un viaggetto a Parigi per dicembre e sicuramente, prenderò spunto dai tuoi suggerimenti, grazie per le belle idee e per gli argomenti, Fulvia.

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie mille a te Fulvia e perdona la risposta più che tardiva ma mi era davvero sfuggito il tuo commento. Sei piu andata a Parigi poi? Un bacione

      Alice

      Elimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...