martedì 23 agosto 2011

Chéri ovvero un tuffo nella Paris della Belle Époque

 Sarà perchè la protagonista di questo delizioso film tratto dal romanzo di Colette datato 1920, è una radiosa Michelle Pfeiffer, sarà per l'accuratezza e l'eleganza dei costumi d'epoca, sarà per la trama coinvolgente o per l'ambientazione in una Parigi delicata e ruggente allo stesso tempo...fatto stà che questo film di Stephen Frears, già regista del sublime "Le Relazioni Pericolose" del 1988 e di "The Queen" 2006, mi ha letteralmente stregata.

Visti gli ingredienti non è difficile capire il perchè..


Il film ambientato nella Parigi del 1912 narra le vicende della bellissima Léonie Vallon, detta Léa de Lonval (Michelle Pfeiffer), ricca e raffinata cortigiana quarantanovenne e di Fred Peloux, detto Chéri (Rupert Friend), il bello, vanitoso e viziato figlio venticinquenne di Madame Charlotte Peloux (una spumeggiante Kathy Bates) , anch’essa una ricca cortigiana dell’alta società parigina e amica da oltre vent’anni di Léa.
La relazione tra i due nasce quando Fred già stanco della vita e abituato ad ogni tipo di eccesso viene invitato da Léa a trascorrere qualche giorno nella quiete della sua casa in Normandia.
Dopo sei anni di relazione l'idillio scandaloso viene spezzato dal matrimonio (di interesse) tra Fred e la diciottenne Edmée....beh ora basta non vorrei svelare troppo sulla trama del film. 


Come dicevo le locations e i costumi di questo superbo film sono davvero stupendi: la Casa Art Nouveau di Léa, lo splendido giardino d'inverno di Madame Peloux, i violini zigani del famoso Cafè Chez Maxim's, la terrazza scenografica dell' Hotel du Palais di Biarritz (tanto caro all'imperatrice Eugenie) e poi gli abiti indossati dai protagonisti, con quei colori così vivi e allo stesso tempo delicati, rendono questo film una vera gioia per gli occhi.















L'autrice Colette in uno scatto del 1940

Curiosità: per chi come me ama scovare le locations dei film ecco a voi qualche dritta sui luoghi di Chérie.

La "Casa di Lèa", l' Hotel Mezzara, si trova al numero 60 di Rue La Fontaine, Paris





Il famoso ristornate, Chez Maxim's con la sua storia, i suoi decori e anche il suo museo, sorge a due passi da Place de la Concorde ed esattamente al numero 6 di rue Royale.








Mentre per chi deciderà di concedersi un week end di relax sulla costa atlantica francese sarà possibile la visita al famoso Hotel du Palais di Biarritz e magari gustare un pasto nel raffinatissimo ristorante Villa Eugenie.







A questo punto non vi resta che passare una serata in compagnia di Chéri e poi... preparare le valigie!



                                        




7 commenti:

  1. Quando ho visto il film la prima volta, ammetto di essere rimasta un po' delusa, ma solo per quanto riguardava la trama. Poi, riguardandolo una seconda volta, ho scoperto che in fondo in fondo non mi era per niente dispiaciuto...
    Che dire invece della location e dei magnifici costumi? Questi mi hanno conquistato immediatamente e senza fatica.
    Alice, adesso che mi hai fatto scoprire che questi posti non sono semplici scenografie create per il film, sei colpevole di aver invogliato la sottoscritta a partire alla volta di Parigi!!!
    XD Hahahahahahah
    Grazie per le preziose news cara, interessantissime come al solito.

    RispondiElimina
  2. Ciao Anna ti ringrazio moltissimo. A me il film è piaciuto moltissimo: la prima volta lo guardai quasi per caso (dopotutto era un film in costume ;-) ma fu amore a prima vista. Se non altro, come dici anche tu, per gli abiti e per le splendide locations..^_^

    RispondiElimina
  3. Bellissimo post Alice.Io adoro quel film, location e costumi superlativi. Ho una passione smodata per l'Art Nouveau in tutte le sue declinazioni, dall'architettura alla manifattura, passando per la moda.
    So che non centra con Parigi, ma chi ama l'Art Nouveau dovrebbe fare una capatina in Repubblica Ceca, patria di artisti come Alfons Mucha.
    Praga ha splendidi palazzi Belle Epoque, e una gran quantità di negozi di antiquariato dove ho potuto ammirare oggetti divini (solo ammirare perchè erano piuttosto cari XD).
    Ritornando a Parigi, quando ci sono stata la prima volta, al Museo Orsay c'era una bellissima esposizione di mobili Art Nouveau che ovviamente non mi sono persa.
    Poi diciamo che basta passeggiare per Parigi col naso in su per scoprire balconi, fregi, ringhiere di ferro battuto ecc...di questa corrente artistica.Ce ne sono a bizzeffe. Un paradiso praticamente :-)

    RispondiElimina
  4. Ciao Mady e grazie mille!!!Per gli amanti dell'Art Nouveau questo è un film da non perdere. Se non lo hai ancora visitato ti consiglio anche il Musée des Arts Décoratifs di Parigi (a cui ho dedicato anche un post): c'è un'intera ala del museo dedicata proprio all'arte di inizio '900. Sono sicurissima che apprezzerai ;-))

    RispondiElimina
  5. Sicuramente sarà una meta obbligatoria in una futura trasferta parigina. :-)

    RispondiElimina
  6. Questo film me lo sono peso ,non pensavo avesse cotante cose interessanti, toccherà noleggiarlo!!!
    Grazie della segnalazione Alice, sei impeccabile come sempre!!!

    RispondiElimina
  7. Ragazzakattiva ti consiglio di guardarlo..te ne innamorerai.Grazie ;-))

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...